Cerca

Caricamento in corso...

Repubblica della Beozia

La Beozia (Repubblica della Beozia) è uno degli stati che compongono l'Unione oceanica. È la nona regione per dimensione (169 anni luce quadrati) e la quinta per popolazione (con 58 milioni di abitanti). La capitale è Tebe, 1 milione di abitanti, posta non molto lontano da Pergamo.

Bandiera della Repubblica della Beozia
POLITICA
La Beozia è una repubblica 

Pergamo e Territorio della Capitale Oceanica

Pergamo è la capitale dell'Unione Oceanica e, con una popolazione di 3.100.000 di abitanti circa, rappresenta la città oceanica più popolosa.

Vista notturna della città dalla Federation Tower
Amministrativamente coincide con il territorio della capitale federale (Oceanic Capital Territory), anche se, dal punto di vista, urbano ne occupa solo una piccola parte.
Federation Tower
L'OCT è un territorio federale sotto l'amministrazione diretta del governo federale: a capo vi è un Sovrintendente nominato dal Primo Ministro (in realtà si tratta solo di una conferma del candidato eletto).
Il territorio occupa l'intero sistema solare del pianeta Oceano ed è completamente avvolto dallo spazio dello stato della Beozia.

La città è estremamente moderna in quanto gran parte degli edifici storici venne distrutto nei bombardamenti della Seconda Guerra coloniale. Tra i monumenti più antichi ancora presenti in città possiamo trovare il Palazzo di Fontainbleu (residenza ufficiale del Presidente dell'Unione), la Biblioteca di Pergamo, gli edifici originari dell'Università, e altri nel centro storico.

Posta sulla foce del fiume Gim ed in riva all'oceano, la città si sviluppa su una serie di isole unite da innumerevoli ponti. La città è ricca di giardini pubblici, parchi ed aree verdi.

L'edificio più alto è la Federation Tower, sede del governo cittadino (municipio, polizia metropolitana, ecc). Venne costruita in occasione del quindicesimo anniversario dalla firma del Trattato per la Costituzione di una Unione nel 2300 e riammodernata nel 2380.

Bandiera dell'OCT
La città è sede della maggior parte degli uffici, delle agenzie e dei dipartimenti federali. Il più importante fra questi è il Palazzo CarloMagno che ospita la Commissione Oceanica.
Altre istituzioni rilevanti a Pergamo sono il Parlamento oceanico, il Consiglio federale e la Corte Suprema.

In occasione del centenario dalla fondazione dell'Unione è stata avviata un'importante opera di rivalutazione e restauro di numerosi quartieri della città. Proprio per questo, la città è stata candidata e scelta per ospitare i Giochi Olimpici e l'Esposizione Universale nel 2385: sono stati edificati ex-novo lo Stadio Olimpico e il Villaggio Olimpico, la nuova sede della National Gallery e il grattacielo del Dipartimento dell'Energia. In realtà l'intero progetto prevede la valorizzazione a lungo termine di strutture sportive e culturali in tutto il territorio oceanico.

Comunità Autonoma della Ionia

La Comunità Autonoma della Ionia, comunemente chiamata Ionia, è il secondo stato federato più vasto dell'Unione oceanica mentre è primo per numero di abitanti (101.230.071). Confina a nord con Megaride ed Eubea, a sud con la Caledonia e con vari stati del Commonwealth oceanico, a est con l'Eolia e a ovest con la Beozia.
La capitale è Mileto, fondata 2000 anni fa, con 1.500.000 abitanti.

Bandiera civile della Ionia

POLITICA
La Ionia è una repubblica parlamentare con un Cancelliere (che ricopre la carica di governatore) e un gabinetto di ministri per il potere esecutivo e un parlamento bicamerale, Assemblea Legislativa e Consiglio delle Contee, per quello legislativo.
Il Trattato per la Costituzione di una Unione stabilisce che ognuno degli stati federati possa mantenere le proprie istituzioni e sistemi di governo purché questi siano democratici e subordinati al governo dell'Unione. L'amministrazione federale mantiene un notevole potere, ma lascia l'applicazione pratica delle proprie leggi quadro al governo locale.

ECONOMIA
La Ionia è il secondo paese dell'unione per ricchezza. Molto sviluppati sono il settore agricolo e quello turistico (storico-culturale e balneare soprattutto), ma non mancano le industrie importanti.

Tempio di Demetra, Mileto
CULTURA
La Comunità Autonoma di Ionia è uno dei poli principali della cultura e dell'istruzione nell'Unione Oceanica. Molto importanti sono l'Università di Mileto e l'Università della Ionia, per non parlare dell'Accademia oceanica delle Scienze.
Molto sentita è la rivalità con la Megaride, sia economica che culturale: la Ionia è infatti parte dell'Unione orientale, ovvero dell'insieme di paesi oceanici più "classici" e conservatori, e della Comunità ionica, un'organizzazione internazionale (Beozia, Ionia, Caledonia e vari stati del Commonwealth) che promuove la cultura e l'identità ionica.

Trattato per la Costituzione di una Unione

Il Trattato per la Costituzione di una Unione (formalmente "Trattato che istituisce una Federazione tra i Paesi e i Popoli Oceanici" e noto anche come Trattato di Pergamo) è un accordo firmato il 15 novembre 2285 a Pergamo. Esso prevede la sostituzione della Comunità Oceanica allora in vigore con una federazione tra i 5 paesi di origine oceanica: Beozia, Ionia, Megaride, Minos, Tirrenia. Con il TCU nasce ufficialmente l'Unione oceanica.

Il Trattato per la Costituzione di una Unione comprende tre diverse carte che, nel loro insieme, rappresentano una sorta di costituzione per l'unione (il termine costituzione nel nome del trattato ha infatti questa doppia valenza: creazione e carta). I tre documenti sono:

  • Carta oceanica dei Diritti Fondamentali (COD)
  • Trattato sull'Unione oceanica (TUO)
  • Trattato sul Funzionamento dell'Unione (TFU)


CARTA OCEANICA DEI DIRITTI FONDAMENTALI
La Carta oceanica dei Diritti Fondamentali è uno dei tre trattati contenuti nel TCU e firmati a Pergamo nel 2285. Esso rappresenta uno dei documenti sui diritti degli individui più avanzati e completi della galassia ed è stato preso a modello dalle Nazioni Unite e da numerosi stati democratici.

Questa carta elenca tutti i diritti dei cittadini e di tutti gli esseri senzienti che vivano o si trovino in uno qualunque dei territori amministrati, gestiti o protetti dall'Unione oceanica. È un documento estremamente evoluto che garantisce tutti i diritti di dignità, libertà, uguaglianza, solidarietà e giustizia (tra gli altri i diritti di espressione, di confessione, di matrimonio...).

In base alla tipologia possono essere riassunti come: libertà fondamentali comuni, diritti riservati ai cittadini dell'Unione (in particolare riguardo alla facoltà e alle modalità di eleggere i propri rappresentanti al Parlamento oceanico e di godere della protezione diplomatica comune), diritti economici e sociali (che sono riconducibili al diritto del lavoro) e diritti moderni (che derivano da alcuni sviluppi della tecnologia, come la tutela dei dati personali o il divieto all'eugenetica).

TRATTATO SULL'UNIONE OCEANICA
Il Trattato sull'Unione Oceanica è il documento che sancisce ufficialmente la nascita dell'Unione e che stabilisce una repubblica democratica federale semi-presidenziale. Stabilisce inoltre i criteri economici, politici e giuridici di ammissione e di partecipazione all'Unione dei singoli stati.

La principale modifica risale al 2314 con la Legge Costituzionale per le Autonomie locali. Essa stabilì i parametri e i poteri che spettano agli Stati e quelli che spettano al governo federale. Istituì inoltre l'entità amministrativa dei Territori.
Secondo questa normativa spetta alle singole regioni, tramite referendum, decidere quali competenze adottare in esclusiva. Sono riservate al governo federale tutte quelle materie che non siano state assunte espressamente da ognuno degli stati nel proprio Statuto di Autonomia. Sanità, istruzione, politiche sociali, sviluppo economico e regolamentazione amministrativa sono normalmente le principali aree di azione dell'amministrazione locale.
Ogni stato possiede un proprio governo ed un proprio parlamento nelle modalità scelte dai suoi abitanti (purché ovviamente siano compatibili con i trattati). Leggi e decreti votati dal Parlamento o dalla Commissione oceanica hanno validità in tutta l'Unione, anche se generalmente si limitano ad una legislazione di base (leggi quadro), lasciando al governo locale le eventuali ulteriori implementazioni. Capita, talvolta, che vi siano conflitti di competenze tra governo federale e locale: in questi casi la decisione è demandata alla Corte Suprema.

TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL'UNIONE
Con Trattato sul Funzionamento dell'Unione si intende l'insieme di accordi e leggi che regolano la gestione ed il funzionamento del governo federale, stabilendone i campi ed i poteri di intervento. Questo documento è stato, a partire dalla sua entrata in vigore, più volte emendato per incrementare i poteri centrali della Commissione oceanica.

Stabilisce i poteri del Presidente dell'Unione e del Primo Ministro, la composizione e i campi della Commissione oceanica, le elezioni ed il funzionamento del Parlamento oceanico e del Consiglio federale.

Il trattato è suddiviso in 3 parti: Politica estera e di sicurezza comune (PESC: forze armate, servizi segreti e diplomatici), Cooperazione giudiziaria e di polizia (GAI: sistema legale e giudiziario, polizia federale e sistema carcerario) e Comunità economica e monetaria (CEM: previdenza sociale, unione doganale, unione monetaria).

ADOZIONE DEI TRATTATI
Questi documenti vennero adottati nel 2285 dai Capi di stato o di governo rappresentati gli stati membri e successivamente ratificati tramite referendum.

Qualunque paese desideri unirsi all'Unione oceanica deve prima di tutto passare il processo di ammissione della Commissione oceanica in cui vengono valutati tutti i parametri economici e giuridici e l'approvazione del Parlamento. Il paese candidato deve poi firmare e ratificare con referendum il Trattato per la Costituzione di una Unione.

Ogni modifica ai trattati deve essere approvata dal Consiglio federale o tramite referendum. Ogni stato, secondo la Legge per le Autonomie, può scegliere di non aderire ad una delle parti del TFU (scegliere ad esempio di non far parte della comunità economica) anche se questo non è mai accaduto.